Escursioni a Settembre nel Parco d’Abruzzo

Ci sono alcuni posti vicino Pescasseroli dove le persone non vanno spesso a passeggiare. In questo posto però la mano dell’uomo è ancora visibile. Circa 10 anni fa, un enorme incendio distrusse la splendida pineta che ricopriva la montagna. Il fuoco, dopo averla divorata, fu fermato dalla faggeta che la circondava. Come soldati in difesa di un castello, i primi faggi che incontrarono il fuoco, formarono una barriera che non permise al fuoco di propagarsi. Il prezzo pagato fu però alto, tutti i primi alberi del bosco di faggio persero la vita, ma rimasero in piedi e adesso, come alfieri, ci ricordano di quanto alcuni uomini siano malvagi nei confronti della natura.

faggi incendiati

Noi siamo stati in questo posto nei primi giorni di Settembre. Era da tanto tempo che non ci tornavamo e con nostra infinita gioia, abbiamo potuto osservare che la vita selvaggia si è riappropriata di questo territorio. Durante la salita è stata una cerva a farci gli onori di casa, quasi stupefatta della sorpresa inaspettata!

cerva

Subito dopo essersi ricongiunta al branco, con eleganti balzi, tutti i cervi hanno saltato i tronchi caduti a terra e si sono rifugiati nel folto del bosco.

cervi saltano tronco

Mentre tutto intorno il paesaggio è dominato dai faggi colpiti dall’incendio.

faggi incendiati


Dalla cima della montagna è possibile scorgere da un lato il paesino di Bisegna,

bisegna


e dall’altro la valle del Campo con le vacche marchigiane al pascolo.

piana del Campo


Poco oltre abbiamo incontrato altri cervi, un maschio molto timido è scappato velocemente, mentre le femmine, più coraggiose, si sono lasciate fotografare. Il tutto tra un’alternanza di alberi addormentati e vita che scorre frenetica.

cervo

 

cerva

 

cerve

 

Faggi incendiati

 

Cerve

 

cerve

 

Cerve

 

faggi bruciat

 

faggi bruciati

 

faggi bruciati

 

Cerve

 

Cerve

 

Cerve

 

Cerve

 

Cervi



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su